I murales a Governolo sulla vecchia mura. Sovraintende i lavori la Brüneta, cl'è cla siüra un pò schìva vestida ad biànc.

Personaggi Famosi:

BRUNETTA VICINI

Unione Sportiva Governolese

Inno (alla gioia) per la Coppa Italia di Promozione

Versione sonora ( 1.8 MB)

 

La mùra

It butara su anca ti, fra an qual dì
l'è sa luntan i giuran che tach s'eri sul ti,
puntalada da tanti sach insièm alla nostra paura
a salvar Guernul d'na sciagura.

Ti at s'e' stada la spunda amada di pescadur,
la trincea bagnada dal sangue di nostar sulda',
la cunca dli acqui dal nostar Mens
la furtesa e la salvesa dla nostra gent.

Ciao Mura, i nostar putlet par
l'ultima volta it pitura ancora.
Pu via via avanti cul prugres.
Ti pero at restare' sempar in dal nostar cor.
Bela, forte, drita in pe', a parlaras at Guernul
e at dla su Storia, at dla nostra vita
cl'e' sa na gloria.

Brunetta Vicini, 19 Agosto 1984

Versione sonora (675 kb in formato mp3)

Al personagio

Guèrnul, l'è antìc paes
in riva al Mens
che con batagli, incontr ad putent,
l'ha fat la storia e la cultura italiana,
e anca quela nostrana.
Ma quel ch'a resta in dla ment,
l'è tuta la sò gent,
quela ch'a riposa...dadlà...
e quela ca gira par cà.
Ognun con al sò scutmain,
sia i grand che i pùtin,
l'è n'ùsansa padana
ch'a fa la cultura paesana.
Anca incò, ognùn con la sò personalità,
al crea la storia dla comunità.
At poeu dventar personagio parchè
ad gh'è cal quel...ch'at met
un pò in vista in s'an picol scalìn,
o par al laòr cat fè
par l'hoby ch'at gh'è
par la parola pronta ch'at cati
in ogni ocasion par far un'uvasion.
Un personagio al pol esar : al simpatich,
al muson, o quel ch'a fa
dli robi fora stagion.
Inportant l'è restar in dal còr
dla gent par l'onestà, la semplicità,
la simpatia, o s'at poh, anca
con un pò ad poesia.

Governolo, 6 maggio 1992

Versione sonora ( 1.2 MB in formato mp3)

Il mio Mincio

Lentamente muori
la tua storia è compiuta
Il tuo scorrere lento, limpido
nei bei giorni di sole
la tua rabbiosa prepotenza
nei giorni di piena
rimarranno un ricordo lontano
il nostro vivere fatto d'amore e di paura
diventerà la storia di un lungo incontro
lentamente abbandoni questo braccio
di suolo governolese
la tua storia di fiume paesano se ne va
la tua storia lontana
mèta di pescatori erranti
regalità potenti
condottieri famosi
battaglie ruenti
la tua storia,
che ha reso famoso Governolo
ti ricorderò ogni giorno
per i momenti belli e tristi,
tu sei il passato
tu sei anche il mio passato
lentamente stai lasciando tra schiuma di sabbia
un limo biondo
che prenderà il tuo posto
acque lontane,
azzurro fiume.

Il Mincio

Dal bianco Adamello
nasce un dolce ruscello,
Sarca é il nome iniziale
e scende tra il verde forestale.
Baldanzoso raggiunge Riva
ed in Lago si apre a spiga
Garda è il suo nome ridente,
corona a bellezze stupende.
Ed è Mincio a bandiera di un'era
da Peschiera costiera.
Serpeggiando tra i colli morenici
arriva a Borghetto.
Un saluto a Goito battagliero
ecco Rivalta che incanta.
Alle Grazie è un manto di fior di loto,
paesaggio regale di un'era primordiale.
Circonda Mantova con tre laghi a distesa
di una regalità feudale a difesa.
Ospita chiatte fluviali
delle grandi Industrie Commerciali.
Motonavi con gite festantii
tra bellezze naturali vaganti.
Tra verdeggianti golene bacia Formigosa argillosa,
fiancheggia Barbasso orgogliosa.
Allo storico Governolo,
con la sua conca che lo circonda:
il Mincio solenne
si rassegna e si consegna,
al grande Eridano (Po),
che l'accoglie in nuova Alba Regale.

Ho ascoltato

Oggi non ho solo ascoltato...
il rumore del mio silenzio
il mio passo lento sull'asfalto sconnesso
il cinguettìo di uccelli nel cielo terso
il fruscìo di sterpi cullati dal vento
lo scoppiettio di un fuoco su una sponda del mio Mincio
il saluto frettoloso o una mano alzata nel nulla
il belare di un capretto brucante nella radura
il sibilo di una lenza lanciata verso l'acqua
il boato corale dei tifosi per un incontro di calcio
il fluttuare dell'acqua per ricomporre il livello di una conca
i battiti di un orologio che scandisce il tempo dell'essere
la potenzialità infinita della mia spiritualità.
Oggi non ho solo ascoltato... la mia serena solitudine
oggi ho ascoltato il mondo attorno a me... con Te.

Ti cerco

"Tavolozze colorate, inebrianti
Albe boreali
Tramonti impazziti...
e nel silenzio infinito
... io ti cerco!"

Ti cerco nelle albe oceaniche di
queste limpide mattine
Ti cerco nei colori primaverili del
risveglio della natura
Ti cerco nell'aria gelida che mi accarezza il viso
Ti cerco nel volo sicuro di uno stormo d'uccelli
Ti cerco in quei monti lontani che pungono il cielo
Ti cerco in quei volti tutti uguali degli uomini di potere
Ti cerco in quei corpi straziati
dalle guerre
Ti cerco nel dolore di chi soffre nel corpo e nello spirito
Ti cerco in quella mano allungata per chiedere aiuto
Ti cerco in quei ragazzi sazi di una vita senza valori
Ti cerco nella preghiera comunitaria della mia gente
Ti cerco nel sole che riscalda le mie inquietudini
Ti cerco nei tramonti impazziti che parlano all'infinito
Ti cerco nei pallidi e trasparenti chiarori lunari
Ti cerco nel velato rumore del mio silenzio spirituale
Ti cerco, sì io ti cerco; nella poesia universale dell'Amore.

Al me Guernul

Guernùl in riva al Méns
con i su bei color intens.
L'autùn cun la su poesia
la nostra storia la porta via.
Un an l'e andà
con la Sagra at San Leon
e la Fera da Stagiùn.
Con i giùvan in musica et alegrìa,
e la sagra dal Strùs con fantasia,
li noti at la Banda Citadina
ed i Pirati a balunar par esser in Prima.
...Adès as sent udor at most, at conservi,
at polenta informaiada
con al butér cunsada.
Certo...iè profum ad tanti ani fa, ma...
a Guernul ancura at cà.

Guernùl, 14/09/2009

Al Campanil

A Guernul tra tanta storia da ricòrdar
a ghèm anca tanti monument da guardar.
Tra questi a ghè la bela cèsa at Sant'Erasmo e Sant'Agostino, con la
reliquia at San Lèon, gran Papa che a
Guernul l'ha fermà Attila còn al su
(gran) batagliòn. Al su fianch, in bela vista,
a ghè l'antìch campanil gotich lumbard dal '400.
Da quand con na grand impalcadura i-là
ingabià, al campanil ogni dì al guardi e al
controli da cà. aspeti da vedral in
tuta la su altéza; pulì, lustrà come
tanti ani fa.
Da la cima ià incomincià, e pian pian,
preda dopu preda i-là intonacà.
Un laùr certosìn, da far tut in sal fìn.
Con la pasienza dal restaurador par
ridunaral al primitivo splendòr.
Adès chi l'à liberà, al guardi meraviglià.
L'è propria bel al nostar campanìl,
tut ritocà, stucà, lustrà, quasi pusè
ciarìn al par un bel bilìn.
Se a tal guardi a-la matina prest,
quand al sul al là disbrina, al par
in controluce un pò lucente. Ma l'è vers
sera che a-tal vedi in costèra un color
ambrà e lù... impunent l'è là, maestòs,
con li su campani beli e forti clì bat
gioie e dolor, par la nostra comunità e
séntàràs tuti at cà.
L'è al campanil at Guernul: at quei
cà riposa da là, ad quei chi è
lontàn, con nostalgia, ad quei cà gira
par cà con semplicità e simpatia
e at zì sempar al sìa.

Governolo, 4 settembre 1994.

Versione sonora ( 1.4 MB in formato mp3)

 

Festa ad la Dona

A ghè li doni
A ghè i-umèt
In stù mund benedét
Par na sera in n’anada
A fema insiem
Una bela magnada.

A sema padruni ad la situasiùn
Calmi… l’è par na sera
Mia par na stagiùn.

An vùrìa mia che v’abituesi
D’esar sempar servidi
Da catàr tùt prunt.

Ad màn a ricomincia la bùgada:
furnèi, pagn, let, i putlèt e…
la beby-siter anca ai-ùmèt.
Tut in urdan
Tut sempar prùnt
Am racumandi, suridenti e riverenti.

A sema li Doni, li Regini ad la casa…
…ma sta bagianada chi è
Ca là inventada?

 

Brunetta Vicini

Governolo 8 Marzo 1995

Versione sonora ( 0.8 MB in formato mp3)

Novità ( at Guernùl)

Scritto originale di Brunetta

Versione sonora ( 2.5 MB)

Pace - Versione sonora

Scritto originale di Brunetta

Santuario delle Grazie, 15/08/1996

 

Li raìs (Le Radici) Versione sonora

Scritto originale di Brunetta

Governolo 27/05/2007

 

Ben Venga Maggio (Versione Sonora)

Scritto originale di Brunetta

Governolo, maggio 2007

 

Al Curés

Al vinticìnc d’Aprìl as catèma ogni an
Par ricordar la giornada ad la Liberasiòn
Vissuda con grand trepidasiùn.
Pauri, sciùptadi, casi disastradi, tanti lut
Ma che moment brut.
Tanti ani è pasà da cal di beatificà e
Ricordaral anca ai putlét l’è na lesiòn
Ad civiltà et ad grand umanità.
Mi in cò am ricordi, in lontananza, anca
Tanti figuri a rimembransa.
Li grandi famigli dal Curés: tuti unidi cmé fradei
Pronti a dividar i moment brut e quei bei.
I Caucìn, i Fighìn, i Pimpina, i Deri, gli Asioc, i Bragùs,
i Basili, i Pulieti, i Gambìn, i Preti, al Brìn, ghera i Gerbei,
i Barcei, i Nunà, ed i Fumanin e tanti altar
Ognùn con su scurtmain.
Ricordi la traturìa at Cavali, l’osteria”Al Vent”
Ad la Nina at Milàn, la Rumilda con al su barachìn,
l’à fava di gelati soprafìn.
La sera, tra i smergular ed i rùmiar di bo,
i grand filos in li stali a far at dli
grand bagoladi in do as saveva tutti an sol profum,
ma l’era genuin come al bun vin.
Ricordi li sbraiadi tra na calada e l’altra
Sempar accompagnade da un gran salùt tradisional
Mia traducibil in italian, anca parchè l’è mia tan urban.
L’era però dit con al cor come na riverensa par
Ricordar ad ognun la proveniensa.
Al Curès, paes at la ronchina, come l’è bela ancora sta rima.

 

1987                   Brunetta Vicini

Versione sonora

In occasione del 92mo compleanno del capostipite della famiglia Savi, sig. Leonardo, persona conosciuta e stimata in Governolo, benefattore della parrocchia, presidente della locale dell’associazione combattenti e reduci, presidente provinciale della associazione Arma Aeronautica, anche l’avvenuta nomina a commendatore, la nipote Brunetta ha scritto per l’occasione la seguente poesia.

“Bön Compleano”


Caro Siür Leonardo,
                                    un altar an à tè mucià “92”,……

… l’è na bela brancadina … am racumandi tegnii da càt, sera e matina.

St’an l’è un compleano anca pusè bel, parchè al casca a ricordo di 150 ani ad l’Unità d’Italia…

Festa Nasionale, ricordada … ma incö un po’ tribulada.

Mi, caro Siur a voria faràt na qual domanda …

… ma in tuti sti ani … quanti bandieri et sventulà?

… quanti aniversari di nostar cari suldà et ricurdà?

… quanta pasion e sentiment ét mis in ogni manifestasion

Perché la gent la sentis amor par la Patria e la “Bandiera Italiana nostra Sovrana”? …

… quanti monument con i tö amich èt progetà, èt inaugürà?

… quanti aeroport militari èt visità?

… quanti areoplan t’avresi purtà a cà?

Ti at s’è President di Combattenti e Reduci at Guernöl, anca incarich provinciali …

tanti onorificensi a t’è merità, civili, militari, sociali … a t’elenchi mia …

vörìa mia dismengaran un qualchi – d’un …

ti a tà ghiè stampà in dal tu cor at suldà …

… Incò am senti da rigrasiarat insiem a tüta la tö famiglia …

ma anca a nom at tuta la nostra Comunità …

par al grand esempi che a tà sé dönà ..

Ricordi at laboriosità, generosità, … pront at ogni esigensa Sociale, parrocchiale, umanitaria .

“Eco la festa dal  tu Cömpleano”

Vita visuda con amor e semplicità ….

“Questa … l’è vita at Poesia … che la s’inventa mia”

Auguri da tü neuda
Brunetta Vicini

Guernul, 11/02/2011

In memoria del prof. Giorgio Zamboni

Clicca qui per la versione sonora della poesia

Giorgio

Che Meraviglia !

Clicca qui per la versione sonora della poesia

che meraviglia

 

In ricordo del Maestro Giovanni Cavalli

clicca qui per la versione sonora 3.8 MB

clicca qui per la versione scritta

 

 

 

 

RITORNA